Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook Laboratorio di Ingegneria delle Acque - LIA

SISTEMA DI RICERCA DI ATENEO
Laboratorio afferente al Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica 
Responsabile Scientifico: Giovanni de Marinis


Il Laboratorio di Ingegneria delle Acque (LIA), costituito nel 1998 con la denominazione di Laboratorio di Ingegneria Ambientale e Fisica, ha assunto la denominazione attuale nel 2007.
Il laboratorio svolge attività di ricerca, di supporto alla didattica e di prove e consulting conto terzi. Le attività prevedono la sperimentazione su modelli fisici in scala, prove su materiali, la progettazione e la realizzazione di campagne di misura in sito, il monitoraggio di opere esistenti o in corso di costruzione, studi e indagini nel campo della modellistica numerica.
Le tematiche di maggiore interesse per il LIA riguardano la tutela degli acquiferi, la regimentazione delle acque, la conservazione del suolo e la salvaguardia del territorio, la progettazione e la gestione delle infrastrutture idrauliche (sistemi acquedottistici, reti di drenaggio urbano, sistemi di distribuzione urbana, irrigua e industriale, impianti di trattamento delle acque), il rilevamento, il monitoraggio e la modellazione topografica.
Oltre alla sede originaria di Via Di Biasio in Cassino, il LIA opera anche nella sede di San Vittore del Lazio (FR), con una superficie coperta di circa 1500 m2, per lo sviluppo dei modelli fisici di grandi dimensioni. Un'ulteriore sezione del laboratorio (LIAsAF, sezione analisi Acque e Fibre) è ubicata nel campus universitario Folcara a Cassino.
Le attività del Laboratorio sono condotte in collaborazione anche con gruppi di ricerca internazionali, tra i quali National Centre for Computing in Hydroscience and Engineering, University of Mississippi, USA;Centre for Water Systems, University di Exeter, UK; Politecnico Federale di Zurigo, CH; IHE Delft Institute for Water Education, nonché numerosi Atenei ed Enti di ricerca nazionali (ENEA, CNR, CIRA, etc..)
Il LIA annovera tra i suoi afferenti membri del Fluvial Hydraulics Committee (Comitato di Idraulica Fluviale) dell'IAHR (International Association of Hydro-Environment Engineering and Research), del Consiglio Direttivo del GII (Gruppo Italiano di Idraulica) e del CSSI (Centro Studi Sistemi Acquedottistici), nonché di numerosi comitati tecnici di Enti Pubblici (Ministero Infrastrutture e Trasporti, Regioni, etc..)
Alcuni ricercatori del LIA sono impegnati come capofila in 2 dottorati internazionali: ETECOS3 (www.internationaldoctorate.unicas.it) e ABWET (www.internationaldoctorate.unicas.it/abwet/) finanziati dalla UE e mirati alla formazione di ricercatori, ingegneri e tecnologi ambientali nell’ambito dei settori del trattamento di acque reflue e rifiuti solidi e della bonifica di suoli e sedimenti contaminati.
Il gruppo di ricerca del LIA ha condotto importanti progetti in ambito nazionale ed europeo. Tra questi, di particolare rilievo sono i progetti DISWIP (Development of an Integrated System for Water Infrastructure Protection Against Intentional Attacks) e GLEWIP (GuideLines Enhancement for Water Infrastructures Protection against Intentional Attacks), inseriti nell'ambito dell'EPCIP (European Programme for Critical Infrastructure Protection), sviluppati rispettivamente nel 2007 e nel 2008, in collaborazione con GORI S.p.A. e Dipartimento DAEIMI.
Il LIA ha fornito consulenze per numerosi Enti pubblici e aziende private, tra le quali si citano: Regione Lazio, Regione Campania, Provincia di Frosinone, Distretto Idrografico dell’Appennino Meridionale, Soc. Autostrade S.p.A., Parco Scientifico e Tecnologico del Lazio Meridionale, ACQUA Campania S.p.A, Acea- Ato 2, Acea- Ato 5, GORI S.p.A., Consorzio di Bonifica Valle del Liri, Consorzio di Bonifica Sannio-Alifano, Consorzio di Bonifica del Sarno, FIAT S.p.A., Suio Terme.