Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook Servizi impresa

- Il confronto/collaborazione fra i diversi settori di sapere delle scienze dell’uomo risulta utile e indispensabile per poter valutare, nel globale, gli effetti dei cambiamenti socio-culturali avvenuti, negli ultimi anni, nella società. Per questo è viva la preoccupazione del contatto continuo con la società e i suoi tessuti sia attraverso il territorio in cui insiste l’Ateneo cassinate sia per mezzo dell’intero territorio nazionale e, in alcune occasioni, del territorio internazionale. È questo il caso della sezione antropologica (cfr. attività di ricerca in Senegal), della sezione pedagogica (cfr. attività di supporto familiare in Italia e in Polonia), della sezione delle attività sportive (cfr. l’adesione al Lancet Physical Activity Observatory).
Il Laboratorio, dunque, si relaziona con il territorio rispondendo all’analisi dei bisogni delle persone che ne facciano richiesta e fornendo aiuto alle stesse attraverso i propri esperti, in esso presenti, sempre disponibili a mettere a servizio degli altri le proprie conoscenze e competenze. Difatti vi sono state, e vi sono ancora, collaborazioni con Istituti scolastici di ogni ordine e grado, Asl, Associazioni e gruppi di ricerca, Istituzioni pubbliche nazionali, regionali e locali. A ciò si aggiunga la progettazione, il coordinamento di gruppi di ricerca nazionali e internazionali operata dagli afferenti alle sezioni del L.A.P.A.SS. Il Laboratorio, inoltre, ha stipulato convenzioni e protocolli d’intesa con Università italiane, europee ed extraeuropee.
- Il Laboratorio è sede di tirocini, accogliendo studenti di Università italiane e straniere [tirocinio con Università di Aalbor, Danimarca (Traineeship contract del 7 dicembre 2011)]; di aggiornamento e consulenza.
- Il Laboratorio, inoltre, ha organizzato Corsi di formazione/aggiornamento per insegnanti e assistenti sociali (tematica:"Assistenti Sociali e Insegnanti: Responsabilità, Deontologia e Formazione" ; ha partecipato, con due sezioni – una pedagogica (tematica:"ICT e progettazione: le nuove tecnologie per l’apprendimento") e una antropologica (tematica: "Welfare Community, Istituzioni, Diritti e Territori: progettare e gesire reti sociali") - al bando INPS per Master di I e II livello con l’attribuzione di borse di studio e, l’Istituto in parola, ha assegnato ai due progetti presentati numero borse 7 da 10.000,00 euro per ogni Master di I livello, permettendo, così, al LAPASS di gestire le borse INPS.

Per l'a.a. 2017-2018 è stata presentata all'INPS una proposta per l'istituzione di un Master di I livello, in accordo tra due sezioni del Laboratotio (quella antropologica e quella pedagogica), dal titolo "Welfare Community, Istituzioni, Diritti e Territori: progettare e gestire reti sociali, educative e di formazione continua". Il coordinatore di questo Master è la prof.ssa F. Ciccodicola, responsabile anche per la parte antropologica, mentre per la parte pedagogica responsabile è la prof.ssa M.G. De Santis. Il Bando INPS è stato vinto e al Master sono state assegnate 5 borse da 10.000 euro, permettendo al LAPASS di gestire le borse INPS.

Per l'a.a. 2018-2019 si è partecipato al Bando INPS per l'istituzione della seconda edizione del Master Executive in "ICT e progettazione: le nuove tecnologie per l'apprendimento", progetto che ha superato la selezione con l'attribuzione di 5 borse da 10.000 euro ognuna, per un totale di 50.000 euro da gestire. Il coordinatore del Master è la prof.ssa M.G. De Santis, responsabile della parte pedagogica; mentre per la restante parte è responsabile la prof.ssa F. Ciccodicola. Il progetto del Master ha visto coinvolte due delle sezioni presenti nel L.A.P.A.SS., una pedagogica e l'altra antropologica.

- Coinvolgimento collaboratori esterni:
Per alcune attività sono stati coinvolti anche gli esperti, gli studiosi e i collaboratori del L.A.P.A.SS. nonché i cultori di materia delle discipline presenti nel Laboratorio e il gruppo di lavoro “Cittadinanza europea e Identità mediterranee”, che collabora da anni con la cattedra di Antropologia sociale, e l’A.S.D. “InformaMentis. Salute, Sport, Società”, che collabora, da qualche anno con le sezioni pedagogiche e, in particolare con l’Osservatorio Permanente per la Famiglia.

[Ultima modifica: domenica 23 dicembre 2018]